Palermo dall’alto

Palermo dall’alto

Uno sguardo da aquila per dominare la città


Dominare la città, abbracciarla con gli occhi, ritrovarla in uno sguardo – con i suoi tesori sparsi nel paesaggio – placida e bellissima. Si può, con uno degli itinerari più affascinanti e suggestivi proposti da “Le Vie dei Tesori”. Palermo dall’alto è tutta da scoprire, grazie a un circuito di luoghi che come muti avamposti si innalzano solenni dal cuore della città.


Il settecentesco
Campanile di San Giuseppe Cafasso, 20 metri di altezza che svettano in via Benedettini, è uno di questi: da qui si possono ammirare le cupole di San Giovanni degli Eremiti, la Cattedrale, Palazzo dei Normanni, Villa d’Orlèans, piazza Indipendenza, e – cambiando prospettiva – il Cassaro e poi il mare, a perdita d’occhio. A meno di un chilometro di distanza la Cupola del Santissimo Salvatore (con la sua chiesa, scrigno di stucchi, decorazioni, marmi policromi e gli imponenti affreschi di Vito D’Anna), offre ai visitatori che conquistano la vetta, la maestosa veduta dalla cupola: da Palazzo dei Normanni a tutte le volte arabe del centro storico fino all’inconfondibile profilo di Monte Pellegrino.


Forse la più alta di Palermo,
Torre di San Nicolò di Bari all’Albergheria sorge accanto all’omonima chiesa. È una costruzione civica trecentesca edificata per difendere le mura del Cassaro. Il panorama vale senz’altra la salita, ma particolare è anche l’orologio che fu aggiunto nel XVI secolo: i suoi rintocchi battevano la “castiddana”, ovvero l’ora in cui gli artigiani dovevano chiudere bottega e per le strade non si poteva più girare senza permesso.

Sono passati secoli di vita palermitana, sotto l’arco di Porta Felice. E ancora oggi la costruzione dei primi del Seicento è uno dei simboli della città, loggione privilegiato per respirare il mare e spaziare con lo sguardo fino all’orizzonte, tra le fontane e le statue incastonate sulla facciata che guarda il Foro Umberto I, e l’aquila del glorioso Senato palermitano a vegliare sul fiume di gente e sul carro della Santa Patrona che sfilano la notte del Festino.

http://www.leviedeitesori.com/palermo-alto/